BICARBONATO DI SODIO

Andare in basso

Re: BICARBONATO DI SODIO

Messaggio  Marco Gianassi il Dom 19 Gen 2014, 11:44

rinfresco questo argomento con questo articlo di Rondelli Giorgio sulla pagina fb di pianeta running :

BICARBONATO VS ACIDO LATTICO

Non c’è dubbio che quando una corsa ad alta intensità viene prolungata nel tempo la conseguente produzione di acido lattico nei muscoli non riesce più ad essere smaltita dall’organismo, fegato e reni in primis. In termini più tecnici, si può dire che quando il fondista di turno supera la velocità della sua soglia anaerobica, poi, nel giro di poche decine di secondi o a volte anche meno, deve diminuire inevitabilmente il ritmo di corsa.

Il livello ematico di acido lattico scende poi rapidamente nel momento i cui i muscoli riprendono la loro normale attività metabolica ed anche quello accumulato nei muscoli attivi viene eliminato nel giro di due ore al massimo dopo la gara o l’allenamento.

Per cercare di ovviare in parte alle limitazioni prestative derivanti dall’acido lattico un mezzo alternativo sembra essere rappresentato dall’assunzione del bicarbonato di sodio prima e dopo la performance fisica. Non ci sono al riguardo definitive conoscenze scientifiche, ma ciò non di meno alcuni studi al riguardo hanno evidenziato un incremento della resistenza generale degli atleti sia nel ciclismo, che nelle distanze corte a nuoto, che nella corsa.

Il bicarbonato di sodio non rientra comunque nel listone degli integratori propriamente detti bensì in quella dei supplementi ” apparentemente efficaci”. Casomai ne viene consigliata l’assunzione insieme ad altri integratori vedi la creatina.

La dose consgliata dagli esperti è di 0,3 mg per kg di peso da prendere da 60 a 90 minuti prima della gara o dell’allenamento. Nessuna paura di sconfinare nel doping, visto che il bicarbonato è al massimo un supplemento ergogenico e non certo un farmaco. Come già detto la sua utilità sta nel migliorare l’efficenza durante l’esercizio fisico e nell’accorciare i tempi di recupero dopo una gara o un allenamento molto intenso.

(Fonte: Giorgio Rondelli)

_________________
" L' età è ciò che tu pensi sia. Tu sei tanto vecchio quanto pensi di esserlo " [i]Muhammad Alì

[i]"I chose this life. I know what I'm doing. And on any given day, I could stop doing it. Today, however, isn't that day. And tomorrow isn't either."

..Si può però morire vivendo sempre e solo per sentito dire..

Non ho più tempo per fare quello che non voglio fare !
avatar
Marco Gianassi
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 1088
Data d'iscrizione : 22.01.12
Età : 56
Località : Sesto Fiorentino

Torna in alto Andare in basso

Re: BICARBONATO DI SODIO

Messaggio  Andrea Ticci il Ven 29 Giu 2012, 12:35

...io l'anno scorso l'ho usato per un periodo ma sinceramente non saprei dirvi se gl'effetti dati dall'assunzione mi abbiano fatto andar meglio o stare meglio.
Per di più non ho neppure mai sofferto di crampi... se ne volete un po ce n'ho una scatolona piena...
avatar
Andrea Ticci
Peso Forma
Peso Forma

Messaggi : 99
Data d'iscrizione : 07.06.12
Età : 44
Località : Prato

Torna in alto Andare in basso

Re: BICARBONATO DI SODIO

Messaggio  Simone Priola il Ven 29 Giu 2012, 08:49

voglio provarlo son curioso.... mi pace sperimentare queste soluzioni...
avatar
Simone Priola
Triatleta
Triatleta

Messaggi : 299
Data d'iscrizione : 30.03.12
Età : 34
Località : CALENZANO

Torna in alto Andare in basso

BICARBONATO DI SODIO

Messaggio  Marco Gianassi il Gio 28 Giu 2012, 19:30

Io l'ho provato in dosi da 20g a 25g pre gara (peso 80kg) non ho avuto disturbi e non ho avuto crampi in gara; visto il basso costo ritengo una prova da fare per gare fino all' olimpico:

l Bicarbonato di sodio e la prestazione sportiva
Pubblicato il 30 maggio 2012 da naughtyswimmer

A proposito dell’utilizzo del bicarbonato come integratore nell’attività sportiva riportiamo due considerazioni.

La supplementazione di bicarbonato di sodio è nata con l’intento di “tamponare” l’acidosi metabolica indotta dall’esercizio, ed in particolare in tutte le situazioni in cui vi fosse una notevole produzione di acido lattico. Sono stati studiati diversi dosaggi, e quello ottimale è risultato essere 300 mg/kg di peso (dosaggi molto elevati ndr). A dosaggio inferiore non sono comparsi effetti sul rendimento, e a dosaggi superiori gli effetti sono risultati sovrapponibili. Il rendimento atletico sembra tuttavia aver trovato giovamento solo quando la situazione sia tale da portare ad un notevole aumento della lattacidemia. Pertanto è comprensibile che in occasione di sforzi massimali di breve durata non si sia evidenziato alcun miglioramento della performance, e viceversa quando la durata dello sforzo è superiore al minuto e inferiore ai due-quattro minuti, i risultati sono apparsi in modo significativo. Non a caso nella corsa la distanza in cui è più evidente il miglioramento del rendimento è quella dei 1500 metri. Nessun giovamento di rilievo si è verificato invece in quelle situazioni (sport di squadra o sforzi ripetuti) in cui vi siano periodi di incremento della lattacidemia alternati a pause di recupero (da INTEGRATORI: IL BICARBONATO
BICARBONATO - INTEGRATORI a cura del dottor Ubaldo Garagiola ).

Ma: PRINCÌPI FISIOLOGICI: il bicarbonato è una sostanza alcalinizzante e come tale rappresenta un sistema efficace per tamponare l’acidità del lattato prodotto dai muscoli durante un intenso sforzo fisico.

Sono note invece tutti gli effetti collaterali ad un uso di eccessive dosi di bicarbonato di sodio che possono provocare diarrea esplosiva, crampi addominali, vomito e meteorismo.

Gli effetti del bicarbonato sulla performance fisica, beneficio ergogenico nella performance, (viene definito beneficio ergogenico ogni fattore esterno in grado di determinare un miglioramento delle performance fisiche), di lavoro aerobico ad alta intensità;
- riduzione dell’affaticamento e miglioramento del recupero (dovuto ad un aumento della glicolisi ossidativa);
- compensazione dei processi di affaticamento durante il ciclismo aerobico ad alta intensita;
- aumento RPE (indice di percezione dello sforzo);
- effetto ergogenico nelle gare dagli 800 ai 1500 m di corsa;
- aumento della quantità di lavoro prodotta e della potenza massimale in cicli ripetuti di lavoro anaerobico.

Bicarbonato di sodio, gli effetti collaterali: diarrea presente nel 50% degli atleti che lo assumono; tale inconveniente può essere ovviato prendendo la sostanza in varie dosi ogni 20′ a partire da 3 ore prima della gara continuando fino a 1 ora prima della parrtenza e bevendo abbondantemente fino a 30′ dalla partenza. L’integrazione di 20 gr, (dose per un uomo di 70 kg di peso) apporta 5 gr di sodio nell’organismo con conseguente ipernatriemia, ipertensione, minor sudorazione e maggior stimolo della sete.
L’apporto ottimale sembra essere quello di 300mg (0,3 g) di bicarbonato per Kg di peso corporeo.

_________________
" L' età è ciò che tu pensi sia. Tu sei tanto vecchio quanto pensi di esserlo " [i]Muhammad Alì

[i]"I chose this life. I know what I'm doing. And on any given day, I could stop doing it. Today, however, isn't that day. And tomorrow isn't either."

..Si può però morire vivendo sempre e solo per sentito dire..

Non ho più tempo per fare quello che non voglio fare !
avatar
Marco Gianassi
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 1088
Data d'iscrizione : 22.01.12
Età : 56
Località : Sesto Fiorentino

Torna in alto Andare in basso

Re: BICARBONATO DI SODIO

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum